Ilbono

Situato a circa 400 mt sopra il livello del mare, a convergere tra Lanusei, Tortolì ed Elini, il paesino collinare di Ilbono si sviluppa in un territorio florido, ricco di ulivi e vigneti. Famoso soprattutto per la produzione dell’olio d’oliva, rinomato per la sua qualità anche a livello internazionale, Ilbono ha fatto dei suoi uliveti un simbolo per il paese.

Siti di grande interesse storico e archeologico si distribuiscono per tutto il territorio. Il più vasto e importante complesso nuragico dell’area è senz’altro il nuraghe di Scerì, con le sue Domus de Janas, immersi nella macchia mediterranea, al centro di un paesaggio pressoché incontaminato che sembra essere pervaso da un’atmosfera mistica.

Uno degli eventi più attesi e partecipati è la festa della Madonna delle Grazie, celebrata a luglio da una lunga processione guidata da un coloratissimo carro ricoperto di fiori, trainato da buoi altrettanto ornati, che trasporta per le strade del paese l’effige della Vergine rivestita dell’oro offerto dai fedeli per le grazie ricevute. A seguito della processione viene organizzato un grande rinfresco con dolci tipici, esibizioni di gruppi folkloristici e musica dal vivo.

Tra le sagre in cui degustare i prodotti tipici della zona, la più seguita è Pane e Olio in Frantoio, in occasione della quale i frantoi storici del paese vengono aperti al pubblico e nelle antiche cantine sono organizzati rinfreschi e assaggi dei prodotti principali della gastronomia locale, primi fra tutti culurgiones, sebadas, orrubiolus e pistoccu fritto.