Cardedu

La recente nascita di Cardedu, uno dei più giovani paesi ogliastrini, è imputabile alla terribile alluvione che nel 1951 devastò Gairo Vecchia: gli abitanti abbandonarono il paese semidistrutto per spostarsi sulla costa, dove oggi sorge la cittadina. Il territorio di Cardedu, tra zone pianeggianti e altopiani, è un complesso naturalistico ricco di fascino, che presenta una folta vegetazione mediterranea con boschi secolari, incantevoli piscine naturali e corsi d’acqua limpida. È inoltre una meta ideale per gli amanti del windsurf, grazie al forte scirocco che lambisce la costa raggiungendo i 15 nodi.

Il litorale alterna spiagge sabbiose a scogliere di porfido rosso e calette incontaminate ricoperte da ciottoli, a disegnare un paesaggio variegato in cui le acque cristalline spiccano su un fondale di sabbia chiara. Le spiagge più frequentate e caratteristiche della zona sono senz’altro Foddini, Museddu e la panoramica scogliera di Perdepera.

Non mancano poi siti archeologici di notevole rilevanza, prime fra tutte le Domus de Janas di Monte Arista, interessante necropoli immersa nella vegetazione. Da visitare anche i nuraghes di Musciu, Trunconi e Genna Masoni.

Tra gli eventi più coinvolgenti del paese vi è senza dubbio il Carnevale estivo, festeggiato ad agosto sul lungomare di Museddu, che riunisce maschere tradizionali, costumi tipici e carri allegorici, tra musica dal vivo e suggestivi fuochi d’artificio sul mare.

La gastronomia locale non delude le aspettative, con piatti tipici variegati e autentici, tra cui spiccano culurgiones, gattò de mendula e amaretti.